Il Modern Automata Museum

 

 

 L'idea di costruire un Museo di automata nata nell'89 a Londra.

 

Visitando il Cabaret Mechanical Theatre di Covent Garden sembrava di stare sul gradino che Borges

descrive come l'Aleph, dove si possono vedere tutte le sfaccettature del mondo contemporaneamente.

 

Forse non proprio cos, ma venite a dare un'occhiata e decidete da soli.

 

 

 

 

 

 

il sito del Museo www.modernautomatamuseum.com

 

Gli automata sono piccole sculture meccaniche, realizzate in carta, legno e metallo,

che vengono messe in movimento dai visitatori del Museo.

 

Il Museo raccoglie circa 200 automata, realizzati da artisti Giapponesi, Statunitensi,

Tedeschi, Inglesi, Francesi, Canadesi, Sudamericani ed Italiani.

 

Un centinaio di opere sono esposte in permanenza nel Museo di Montopoli di Sabina,

mentre l'altra met della raccolta un Museo itinerante in tour

presso le strutture pubbliche  e private che ne fanno richiesta.

 

Gli automata moderni possono essere paragonati agli Aik Giapponesi,

che vengono definiti come "una piccola visione del mondo in tre brevi versi".

Gli automata moderni possono essere definiti "una piccola visione del mondo in un giro di manovella".

 

Il Museo organizza visite guidate, corsi per la costruzione di automata indirizzati

a ragazzi ed adulti e tenuti dagli artisti stessi, e produce materiali didattici, video e libri.

 

Il luogo del Museo parte della struttura del piccolo Castello di Vezzano,

IX secolo d.c., sito nel Comune di Montopoli di Sabina, nell'alto Lazio.

 

Il Museo ha prodotto due mostre itineranti: "Il Museo itinerante" e "Contro l'idea della guerra".

Entrambe le mostre sono state ospiti presso altri Musei ed istituzioni pubbliche:

tra questi il Festival della Letteratura di Mantova, il Palazzo Pubblico di Siena,

il Museo Internazionale delle Marionette di Palermo, il Museo dei Bambini Explora di Roma,

il Museo Archeologico di Magliano Sabina.

 

Nel 2010, con contributi pubblici della Regione Lazio,

il Museo ha organizzato corsi di automata e mostre presso alcune scuole elementari

e presso alcune ludoteche dei reparti pediatrici di ospedali regionali.

 

Nel 2010, il Museo ha avuto un riconoscimento dalla Regione Lazio

per la sua "buona gestione": da questo link si pu accedere al sito relativo